Quando è il paziente a dirlo: vantaggi della protesi d’anca bilaterale in contemporanea

Non è infrequente che l’artrosi dell’anca colpisca entrambe le articolazioni del malato, che quindi risulta candidato all’intervento di sostituzione protesica bilaterale. Classicamente si programma prima l’intervento sull’anca più dolente, e, dopo almeno sei mesi si può procedere ad intervenire sull’altra anca.

Sempre più spesso, però, capita che i pazienti affetti da coxartrosi bilaterale dell’anca chiedano al proprio ortopedico di poter essere sottoposti ad un intervento “in contemporanea”.

Protesi monocompartimentale di ginocchio: per chi è indicata e confronto con la protesi totale

La protesi monocompartimentale va a sostituire la cartilagine usurata di un compartimento del ginocchio, al contrario della protesi totale del ginocchio che sosotituisce l’intera articolazione.

Quando la cartilagine di un compartimento del ginocchio è usurata, mentre la restante parte del ginocchio è ancora sano, si può decidere di impiantare una protesi monocompartimentale.

Quando si va a sostituire un solo compartimento del ginocchio si parla infatti di protesi monocompartimentale o più semplicemente,

11 falsi miti sull’allenamento per una maratona a cui non dovreste credere

Quando arriva il momento di allenarsi per una maratona viene semplice pensare esclusivamente ai chilometri da percorrere di volta in volta ogni settimana. Ci sono moltissime affermazioni false riguardanti la preparazione necessaria per affrontare una maratona. Per aiutarvi a distinguere le informazioni reali dai miti, ecco alcuni consigli di nutrizionisti e medici sportivi.

Correre è dannoso per le ginocchia

Uno studio del 2015 riguardante gli infortuni nei corridori ha portato alcuni medici ad affermare che le ginocchia sono il punto principale da cui scaturiscono gli infortuni.

I motivi per cui potreste essere vittima di una fitta muscolare laterale mentre correte

Una fitta muscolare laterale è simile a quando qualcuno vi colpisce con un “fulmine” mentre state giocando a Mario Kart: spunta dal nulla e ti obbliga a rallentare, ma dopo un po’ passa e ti riporta in pista. Se non avete mai provato Mario Kart, l’analogia di cui sopra non avrà alcun senso, ma potrete aver comunque sperimentato sulla vostra pelle il disagio derivante dal “dolore addominale transitorio correlato all’esercizio” noto anche come fitta muscolare laterale.

Nuovo ambulatorio presso il FisioCenter di Collecchio (Parma)

Sono molto felice di informarvi che sto aprendo un nuovo ambulatorio a Collecchio (Parma) a fianco del complesso Ego Village.
Durante questa nuova esperienza non sarò sola, anzi, sarò in compagnia della Dott.ssa Alice Ritali. Oltre ad essere amiche dal tempo dell’Università, entrambe ci siamo formate in centri di eccellenza esteri, io negli States (University of Iowa City e Standford University) e lei in Canada (Roth McFarlane Hand and Upper Limb Centre del Saint Joseph’s Hospital),

Considerazioni attorno all’artroplastica femoro-rotulea

La Dott.ssa Sabrina Strickland, co-fondatrice del Patellofemoral Center presso l’Ospedale per la Chirurgia Speciale a New York ripete come siano molti i pazienti che sei rechino presso i suoi uffici lamentandosi di forti dolori alla parte anteriore del ginocchio presenti da anni.

Infatti, guardando i dati, il 24% delle donne ha un’ artrosi femoro-rotulea al raggiungimento dei 40 anni.

Osteoartrosi e attività fisica

Questi esercizi possono aiutarvi nella riduzione del dolore e nel miglioramento delle articolazioni

Pronti, Partenza… Via!

Se siete affetti da osteoartrosi, malattia degenerativa in cui la cartilagine tra le articolazioni si consuma con eccessiva velocità, potreste rinunciare ad effettuare attività fisica. D’altronde, la forma più comune di artrosi può rendere i movimenti difficili e dolorosi.

Chirurgia mini-invasiva e fast-track

Negli ultimi tempi si parla sempre di più di chirurgia mini-invasiva e fast- track, scopriamo nel dettaglio di cosa si tratta. Lo scopo di queste tecniche chirurgiche è ridurre il trauma chirurgico e limitare l’impatto che lo stesso ha sul paziente, fornendogli la possibilità di recuperare rapidamente le funzioni in seguito ad un intervento chirurgico di natura protesica e di iniziare la fisioterapia il prima possibile.

Nuovo incarico come Referente per la Medicina Rigenerativa nel Gruppo San Donato

Dal primo marzo 2020 mi sono trasferita presso l’Istituto di Cura Città di Pavia del Gruppo San Donato, in qualità di referente della Medicina Rigenerativa, nel reparto di Chirurgia Ortopedica Mini-Invasiva diretto dal Dr. Caldarella.

Subito dopo il trasferimento anche io, come molti altri colleghi, ho sospeso le visite ambulatoriali per dedicare il mio tempo come volontaria presso un centro Covid,

Il lavoro dopo il COVID-19: strategie e possibilità

Lo scopo di questo breve articolo è illustrare come tornare al normale lavoro chirurgico ed alle conseguenti attività cliniche dopo un lungo periodo di pandemia. Voglio inoltre ribadire che quanto verrà scritto è da considerare come un consiglio, in quanto stiamo ancora attendendo le linee guida ufficiali.

L’articolo completo, scritto da Francesca de Caro,

START TYPING AND PRESS ENTER TO SEARCH